COSENZA1SPECIAL.it

 

RAPANI: ''SANITA' IN GINOCCHIO E STASI DORME''
27/08/2019
|
 

17/10/2019
DALLE PRIME LUCI DELL’ALBA, I CARABINIERI DEL COMANDO ...

17/10/2019
 “Non cambia nulla per i cittadini. Io vado avanti, anche ...

16/10/2019
I Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro hanno tratto in ...

16/10/2019
Le Sezioni Riunite confermano il dissesto finanziario. Per i ...

16/10/2019
C'è da credere che si sia trattato di un mezzo nato sotto il ...

23/09/2019
Conferenza stampa del tecnico rossoblù, alla vigilia di ...

14/09/2019
Conferenza stampa dello staff tecnico,  alla vigilia di ...

31/08/2019
Conferenza stampa del tecnico rossoblù, alla vigilia di ...

23/08/2019
Vigilia di Crotone-Cosenza del 24/08/2019, le conferenze stampa dei ...

17/08/2019
Le dichiarazioni di Piero Braglia al termine della gara amichevole ...

Il coordinatore regionale di Fdi bacchetta anche la deputazione Cinque Stelle: «Intollerabili 18 ore di lavoro consecutive in Pronto soccorso»

CORIGLIANO ROSSANO • «Quanto sta accadendo presso l’ospedale di Rossano è incredibile, ma soprattutto intollerabile. È di questa mattina la notizia di medici che sono stati costretti a 18 ore di lavoro in pronto soccorso perché il turno successivo non si è presentato senza alcuna giustificazione. È ora che il sindaco e la deputazione parlamentare locale intervengano, una volta per tutte».

Lo afferma Ernesto Rapani, coordinatore regionale di Fratelli d’Italia nell’evidenziare ancora una volta disagi sanitari. Appellandosi al primo cittadino di Corigliano Rossano ed ai cinque parlamentari pentastellati del territorio, l’ex amministratore del comune di Rossano è convinto che necessiti «una ferma presa di posizione».

«È mia intenzione quella di sensibilizzare all’azione, quella vera, Flavio Stasi, spesso promotore di protesta quando non rappresentava niente e nessuno. Oggi sta dimostrando di essere stato molto bravo a fare populismo, poiché occupando una posizione che gli consentirebbe di agire, tutto è diventato regolare, nella norma. Dov’è finito lo Stasi che ha ammaliato le folle con le belle parole? Semplice, parlare è sempre facile: da leone si è trasformato in un pulcino bagnato. E con lui anche i deputati Scutellà, Forciniti, Sapia e la senatrice Abate. Tutti bravi a pontificare da un pulpito che in questi mesi gli avrebbe anche consentito di “fare”. Ed invece pure il cosiddetto “cambiamento” ha dimostrato di essere uguale, se non peggio, degli altri, selfie, social e miseria politica».

Il portavoce regionale del partito della Meloni esorta, quindi, i cinque – il primo cittadino ed i quattro parlamentari – all’impegno nel rispetto del loro mandato elettorale: «Prendano esempio dal sindaco di Castrovillari che ha convocato un consiglio comunale aperto a Catanzaro per protesta. Il servizio sanitario è quanto di più importante possa esservi e non ci sono colori che tengano quando bisogna lottare per un diritto. Esorto, dunque, il sindaco e i parlamentari del M5S all’azione, e noi saremo al loro fianco. Diversamente non arretreremo di un millimetro nello smascherare il loro populismo di infima categoria ed il loro modus operandi in politica, la facilona protesta. Noi siamo agli antipodi, siamo per il fare. Mi auguro che Stasi si ricordi chi era. Si sarà già assuefatto al “poterucolo”?»

 

Commenta

 


Contatta la Redazione di Cosenza1Special.it
info@cosenza1special.it - Fax 0984 - 1801110

Privacy Policy

© Copyright 2015 - COSENZA1SPECIAL.ITy
Registrazione Tribunale di Cosenza n.7 del 10/09/2012
Direttore Responsabile Osvaldo Morisco