COSENZA1SPECIAL.it

 

SEQUESTRATO IMPIANTO ABUSIVO DI CALCESTRUZZO REALIZZATO SU AREA DEMANIALE
05/11/2019
|
 

25/02/2020
Coronavirus: "Seguire precauzioni igienico-sanitari dei medici di ...

25/02/2020
IL SINDACO LO POLITO EMETTE L’ORDINANZA CHE ANNULLA LA ...

24/02/2020
SERIE BKT 25^ GIORNATA PERUGIA-EMPOLI 0-1 ...

24/02/2020
(Ansa)  Parlare di panico é sicuramente eccessivo, ma ha ...

20/02/2020
Conferenza stampa del tecnico rossoblù alla vigilia di ...

11/02/2020
Conferenza stampa del neo tecnico rossoblù, Mr. Pillon

08/02/2020
Conferenza stampa del tecnico rossoblù alla vigilia della gara ...

24/01/2020
Conferenza stampa del tecnico rossoblù alla vigilia di ...

Un impianto di calcestruzzo e lavaggio inerti è stato posto sotto sequestro dai militari della Stazione Carabinieri Forestale a Scala Coeli in località “Iaretto” nell’alveo del Torrente Nicà. Il sequestro è avvenuto a seguito di un controllo, unitamente alla Stazione Carabinieri di Scala Coeli, di vecchi impianti di lavaggio inerti oramai non più a norma lungo i fiumi e torrenti fluviali ma ugualmente utilizzati. L’impianto abusivo, non dotato di sistema per la raccolta delle acque industriali di lavorazione e di prima pioggia e delle relative vasche a tenuta del rifiuto da smaltire successivamente, è realizzato su una area demaniale. Oltre all’impianto funzionante da tempo, è stata occupata una area demaniale per la coltivazione di un impianto di uliveto con piante di varie età e dimensioni per una superfice complessiva di oltre 13mila metri quadri. All’interno del cantiere vi è anche un impianto di lavaggio inerti realizzato su una area comunale. Le attività, sono state estese anche all’esterno del cantiere recintato, su di una superfice di un ettaro dove si è accertato la presenza di reiterati prelievi di materiale. Si è pertanto proceduto al sequestro di una superfice complessiva di 28880 metri quadri tra demanio fluviale, impianto di ulivi, superfice demaniale del Comune di Scala Coeli e area sfruttata all’interno del greto del fiume Nicà. Il proprietario dell’impianto, un imprenditore di Cariati non era in possesso di nessuna autorizzazione e nessuna concessione per ciò che attiene a quanto accertato e dovrà rispondere dei reati di occupazione abusiva di area demaniale, violazione urbanistica e paesaggistica, e distruzione e deturpamento bellezze naturali in area vincolata. 

 

Commenta

 


Contatta la Redazione di Cosenza1Special.it
info@cosenza1special.it - Fax 0984 - 1801110

Privacy Policy

© Copyright 2015 - COSENZA1SPECIAL.ITy
Registrazione Tribunale di Cosenza n.7 del 10/09/2012
Direttore Responsabile Osvaldo Morisco