COSENZA1SPECIAL.it

 

“Paradossali” i nuovi obblighi dell’Asp per la gestione delle aree esterne degli esercizi commerciali
20/05/2020
|
 

27/05/2020
Persone in isolamento 138, totale guariti 293 (Ansa) Scende a tre ...

27/05/2020
Proseguono senza sosta nel territorio del Parco Nazionale della Sila ...

27/05/2020
Deteneva degli esemplari di Cardellini (Carduelis Carduelis) ...

26/05/2020
Si intitola "Un'alba nuova" il primo singolo del cantante emergente ...

25/05/2020
Alle prime luci dell’alba, nei Comuni di Cosenza, Rogliano, ...

08/03/2020
Dichiarazioni del tecnico dei lupi Pillon, alla vigilia di ...

07/03/2020
Consapevolezza, ma anche ricerca della normalità senza ...

27/02/2020
Conferenza stampa del tecnico Pillon in vista di Venezia-Cosenza ...

“Abbiamo salutato tutti con gioia la riapertura dei nostri esercizi commerciali – affermano gli amministratori comunali di San Giovanni in Fiore -  consapevoli però delle tante difficoltà che parecchi di loro avrebbero incontrato nella ripartenza. Per questo motivo e per non lasciare nessuno da solo  stiamo dialogando con gli imprenditori per trovare forme di aiuto ed affiancamento che possano rendere meno onerosa la risalita, ma tutto questo rischia di essere vanificato da nuove norme e regolamenti (pubblicati da qualche ora tra l’altro), che vanno nella direzione opposta. E’ di Lunedì scorso ma comunicata ieri, una nota del Dipartimento di Prevenzione dell’Asp di Cosenza indirizzata ai Sindaci della provincia, in cui si forniscono raccomandazioni circa la gestione delle aree esterne utilizzate dagli esercizi commerciali quali bar, pub e ristoranti. La nota richiama una serie di obblighi, a quanto pare non previsti da nessuna linea guida regionale nè nazionale,  che se dovessero essere applicati pedissequamente porterebbero diverse attività a riabbassare le saracinesche. E’ il momento della ripartenza in sicurezza e non del burocratese cavilloso, è giusto che si faccia chiarezza e non si aggiungano tensioni a tensioni sulla pelle degli imprenditori che dal punto di vista economico sono quelli che maggiormente hanno subito danni dal periodo di Lockdown. E’ possibile arrivare in Calabria dalle regioni del nord per motivi di lavoro e non osservare la quarantena sotto controllo delle Asp, ma allo stesso tempo si chiede ai nostri imprenditori di caricarsi sulle spalle una montagna di obblighi per di più dispendiosi. Un paradosso”. “Non è così che si fa prevenzione  - concludono  gli amministratori florensi - così si porta soltanto alla morte definitiva una parte importante del commercio nostrano che soprattutto con l’arrivo della bella stagione potrebbe invece avere un po’ di respiro”.

Commenta

 


Contatta la Redazione di Cosenza1Special.it
info@cosenza1special.it - Fax 0984 - 1801110

Privacy Policy

© Copyright 2015 - COSENZA1SPECIAL.ITy
Registrazione Tribunale di Cosenza n.7 del 10/09/2012
Direttore Responsabile Osvaldo Morisco