COSENZA1SPECIAL.it

 

DALL'UNICAL UN'EFFICACE RISPOSTA AI TUMORI?
05/05/2016
|
 

01/06/2020
In Calabria ad oggi sono stati effettuati 68.633 tamponi. Le persone ...

01/06/2020
Il Sindaco Mario Occhiuto, con una nuova ordinanza, emanata oggi, ha ...

01/06/2020
I Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro hanno arrestato ...

01/06/2020
Nel quadro dei servizi predisposti e finalizzati alla prevenzione e ...

01/06/2020
(Ansa) Una campagna di virus informatici investe l'Italia nelle ore ...

31/05/2020
(Ansa) (di Paolo Teodori)  Il tentativo, a quanto pare sventato, ...

29/05/2020
Nella prima mattinata odierna, la Squadra Mobile di Cosenza ha dato ...

25/05/2020
Alle prime luci dell’alba, nei Comuni di Cosenza, Rogliano, ...

08/03/2020
Dichiarazioni del tecnico dei lupi Pillon, alla vigilia di ...

07/03/2020
Consapevolezza, ma anche ricerca della normalità senza ...

27/02/2020
Conferenza stampa del tecnico Pillon in vista di Venezia-Cosenza ...

27/02/2020
Nessun caso di positività al virus nel campus, ma l'Unical ha adottato ...

Un sistema di “localizzazione” e “puntamento” che potrebbe profondamente modificare l’approccio alla cura dei tumori. Con risultati molto più rapidi e, soprattutto, efficaci di quanto avviene oggi. Un progetto di ricerca che porta la firma dell’Università della Calabria e, particolarmente, di NanoSiliCal Devices: una start-up innovativa e spin-off dell’Ateneo, nata con l’obiettivo di sviluppare nanosistemi “intelligenti”, a base di silice mesoporosa, potenzialmente utilizzabili nella veicolazione mirata dei farmaci antineoplastici. Non è fantascienza, ma la proiezione (naturalmente da verificare nella sua effettiva praticabilità) di una brillante ipotesi sperimentale che, nelle aspettative dei suoi teorizzatori, dovrebbe assicurare un cambio di marcia sostanziale rispetto ad un problema con cui ogni anno purtroppo fanno i conti milioni di persone. I protagonisti di quest’affascinante avventura scientifica sono Luigi Pasqua, ricercatore confermato di Scienza e Tecnologia dei Materiali presso il Dipartimento di Ingegneria per l’Ambiente ed il Territorio ed Ingegneria Chimica; Antonella Leggio, professore associato di Chimica organica presso il dipartimento di Farmacia e Scienze della salute e della nutrizione; e Catia Morelli, collaboratore di ricerca presso lo stesso dipartimento. I presupposti per far bene ci sono tutti. Pasqua, infatti, vanta un lungo e proficuo impegno nella realizzazione di materiali nanostrutturati a base di silice mesoporosa, potenzialmente utili nel direzionamento di farmaci. Una competenza documentata da diverse domande di brevetto e pubblicazioni sull’argomento, di cui è, rispettivamente, co-inventore e co-autore. Antonella Leggio, dal canto suo, ha un’esperienza ventennale nella sintesi e nella caratterizzazione di molecole organiche e biomolecole, ma anche nella loro elaborazione farmacologica. Catia Morelli, infine, ha alle spalle una ultradecennale esperienza nel campo dell'oncologia molecolare, maturata anche grazie ad un periodo formativo all’estero, presso il Kimmel Cancer Institute della Thomas Jefferson University di Philadelphia (USA). La condivisione dell’impegno scientifico e l’interesse verso la ricerca di soluzioni terapeutiche valide in questo settore, ha trovato una sintesi nel 2014, con la creazione della NanoSiliCal Devices; e, come si diceva, con l’idea di sviluppare nanosistemi antitumorali “intelligenti”, che oggi i tre ricercatori dell’Unical sono impegnati a trasformare in un affidabile metodo di cura. “E’ noto a tutti”, spiega Pasqua, “che la chemioterapia determini effetti collaterali importanti nei pazienti oncologici, a causa della mancanza di selettività del farmaco antitumorale adoperato che, purtroppo, non riesce a risparmiare i tessuti sani dalla sua azione tossica. Pertanto”, aggiunge il ricercatore dell’Unical, “lo sviluppo di nuovi meccanismi di drug targeting, ossia di sistemi provvisti di una funzione direzionante in grado di veicolare il farmaco esclusivamente nella sede tumorale, consentirebbe di minimizzare, se non addirittura abolire, la tossicità causata dai farmaci antineoplastici sui tessuti sani”. Ma in che modo precisamente dovrebbe funzionare il sistema che i tre ricercatori dell’Unical sono impegnati mettere a punto? E’ sempre Pasqua a spiegarlo: “Le nanoparticelle di silice mesoporosa prodotte dalla NanoSiliCal Devices sono dei “nanoalveari” deputati a svolgere una duplice funzione: esternamente, mediante una molecola biologica; attraverso i pori, utilizzando i farmaci antitumorali. La molecola biologica innesca l’apertura della cellula tumorale nella quale l’intera nanoparticella si introduce (avviene proprio un riconoscimento specifico tra la molecola posta sull’esterno del nanoalveare ed i recettori presenti solo sulle cellule tumorali e non su quelle normali). In questo modo, insomma, il farmaco verrà rilasciato in maniera selettiva, solo all’interno delle cellule tumorali, riducendo il rischio di effetti indesiderati ed aumentando l’efficacia terapeutica”. Non è tutto: “La grande versatilità delle “nanoparticelle” di silice mesoporosa prodotte dalla NanoSiliCal Devices”, spiega ancora il dott. Pasqua, “consente di produrre sistemi che impiegano, gestendone il rilascio, la maggior parte dei tradizionali chemioterapici, anche a brevetto scaduto. Inoltre, la natura del ligando recettore specifico, vale a dire la molecola biologica posta sull’esterno del nanosistema, può variare in funzione del tipo di tumore da trattare. Non è di secondaria importanza, infine, che questo approccio tecnologico possa essere potenzialmente applicato non solo per terapie tumorali, semplicemente mediante l’utilizzo di un diverso farmaco e/o di diverse funzioni direzionanti”. La NanoSiliCal Devices (considerata una delle migliori startup biotech italiane), è titolare di un brevetto europeo, in fase di concessione, relativo all’approccio tecnologico generale, e di una domanda di brevetto che ha ricevuto dallo European Patent Office un rapporto di ricerca completamente positivo, in fase di estensione internazionale. Quest’ultima domanda si basa su un nanosistema capace di rilasciare il Bortezomib, farmaco d’elezione nel mieloma multiplo, esclusivamente nelle cellule tumorali ed è attualmente sottoposto a studi in vivo presso l’Università di Milano Bicocca, uno dei partner della stessa start up.
Commenta

 


Contatta la Redazione di Cosenza1Special.it
info@cosenza1special.it - Fax 0984 - 1801110

Privacy Policy

© Copyright 2015 - COSENZA1SPECIAL.ITy
Registrazione Tribunale di Cosenza n.7 del 10/09/2012
Direttore Responsabile Osvaldo Morisco