COSENZA1SPECIAL.it

 

UNITA' CINOFILA ANTIVELENO IN AZIONE A CASSANO ALLO IONIO
14/03/2019
|
Cronaca
 

25/03/2019
Denunciate dalla Guardia di Finanza di Montegiordano 18 persone per ...

24/03/2019
Il Biondo Tardivo di Trebisacce, arancia autoctona dalle eccellenti ...

24/03/2019
Ieri 23 marzo 2019, nel corso di specifici servizi disposti dal Sig. ...

24/03/2019
Il caso Morosini quello più recente avvenuto in Italia, il ...

22/02/2019
Conferenza stampa di Mr. Occhiuzzi alla vigilia di Perugia-Cosenza ...

16/02/2019
Conferenza stampa del tecnico rossoblù, alla vigilia di ...

09/02/2019
Conferenza stampa dei nuovi acquisti in rossoblù, dopo la ...

01/02/2019
Conferenza stampa del tecnico rossoblù, alla vigilia di ...

Il  Reparto Carabinieri Parco di Rotonda (PZ) ha monitorato vaste aree del Parco Nazionale del Pollino grazie all’Ausilio del proprio Nucleo Cinofilo Antiveleno, che ha sede presso la Stazione Carabinieri Parco di Cerchiara di Calabria. In particolare l’U.C.A. (Unità Cinofila Antiveleno), formata nell’ambito del progetto “Life PLUTO”, composta da un Conduttore coadiuvato da due Repertatori ,con i suoi due fedelissimi cani  il Labrador “Thor” e il Pastore Belga Malinois di nome “Kira” ha ispezionato diversi luoghi montani dove la presenza del lupo appenninico risulta costante ed accertata. Oltre a tali attività “Ispettive Preventive” che spesso vengono effettuate nell’area protetta, il Nucleo, a seguito della denuncia di associazioni animaliste su presunti avvelenamenti di cani randagi e gatti, ha effettuato ispezioni anche nel centro  abitato di Cassano allo Jonio (CS)  Frazione Lauropoli  dove, in collaborazione con la locale Tenenza  Carabinieri,  sono state minuziosamente percorse le strade segnalate quale teatro di abbandono di esche e bocconi avvelenati, come Corso Laura Serra, Via Fiume, Via San Nicola, Via Teano e Via Genova, oltre ad aver ascoltato persone informate sui fatti ed in grado di riferire circostanze utili alla ricostruzione degli eventi. Il monitoraggio, posto in essere nel suo duplice intento di prevenire e reprimere il reato di “uccisione di animali”, punito dal Codice Penale con la reclusione sino ad anni due e quello di “danneggiamento ed uccisione di animali altrui” punito anch’esso con la reclusione sino ad anni quattro ha avuto ed ha anche lo scopo di evitare la contaminazione dei luoghi con materiale tossico e velenoso inquadrando anche questo come atto penalmente perseguibile. L’attività del Nucleo Cinofilo Antiveleno ha prodotto in questi due primi mesi dell’anno 23 “Ispezioni Preventive” e  10 “Ispezioni d’Urgenza” come quella effettuata nei giorni scorsi a Cassano.

 

Commenta

 


Contatta la Redazione di Cosenza1Special.it
info@cosenza1special.it - Fax 0984 - 1801110

Privacy Policy

© Copyright 2015 - COSENZA1SPECIAL.ITy
Registrazione Tribunale di Cosenza n.7 del 10/09/2012
Direttore Responsabile Osvaldo Morisco