COSENZA1SPECIAL.it

 

INSEGUIMENTO DA FAR WEST PER LE STRADE DI CORIGLIANO
24/02/2020
|
 

01/04/2020
Era ricoverato nel centro Covid di Rogliano (Ansa)  È ...

01/04/2020
C’è anche un medico cariatese tra quelli che hanno ...

01/04/2020
In Calabria ad oggi sono stati effettuati 8315 tamponi. Le persone ...

01/04/2020
Messa a punto da ricercatori con uso due farmaci off-label ...

01/04/2020
Individuare le cosiddette nuove povertà, il fenomeno esploso ...

08/03/2020
Dichiarazioni del tecnico dei lupi Pillon, alla vigilia di ...

07/03/2020
Consapevolezza, ma anche ricerca della normalità senza ...

27/02/2020
Conferenza stampa del tecnico Pillon in vista di Venezia-Cosenza ...

27/02/2020
Nessun caso di positività al virus nel campus, ma l'Unical ha adottato ...

26/02/2020
I ricercatori del laboratorio di Chimica dell'Università della ...

I Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro venerdì notte hanno fermato due giovani coriglianesi che si sono resi protagonisti di una rocambolesca fuga per le vie dello scalo coriglianese, attraversando a folle velocità anche zone in quel momento gremite da persone a piedi.

Tutto aveva inizio verso le 23:00, quando in Contrada San Francesco una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Corigliano Scalo intercettava una Toyota Yaris con due giovani all’interno, che procedeva con fare sospetto e alla vista della macchina con le insegne d’istituto cambiava repentinamente direzione. I Carabinieri si mettevano sulle sue tracce, azionando i dispositivi luminosi e sonori, ma per tutta risposta il conducente del veicolo accelerava, dirigendosi verso il cuore della movida notturna coriglianese, Piazza Salotto. Qui iniziava a folle velocità a scansare pedoni ed autovetture, rischiando più volte di colpirli, quindi si dirigeva verso Via Fontanelle e successivamente imboccava Via Nazionale. Nel frattempo venivano inviate altre gazzelle per intercettare i fuggitivi, che stavano percorrendo via Walt Disney in direzione di Schiavonea. All’altezza di Via Provinciale, però, dovevano cambiare direzione, perché era stato costituito un posto di blocco ed imboccavano Via di Santa Lucia, dove venivano definitivamente bloccati da tre pattuglie dei Carabinieri. I due ragazzi venivano sottoposti a minuziosa perquisizione personale, che dava esito negativo. L’attività si estendeva al veicolo, nel quale venivano trovati nel cassettino portaoggetti centrale, sotto l’autoradio, un cofanetto metallico con una dose confezionata di marijuana del peso complessivo di 1 grammo, tre trita erba, del materiale da confezionamento e taglio della sostanza stupefacente, nonché due coltelli a serramanico. Tutto il materiale rinvenuto veniva sottoposto a sequestro penale. Portati in caserma i due giovani venivano compiutamente generalizzati, il conducente era un 24enne del posto con precedenti per reati contro il patrimonio, mentre il passeggero era un 17enne incensurato coriglianese. Per entrambi scattava una denuncia penale all’A.G. competente per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, possesso ingiustificato di armi e detenzione di sostanza stupefacente per fini di spaccio, dal momento che il materiale ritrovato faceva presumere che la sostanza non fosse utilizzata per un uso strettamente personale. Il minorenne veniva, quindi, affidato ai genitori increduli dell’accaduto.

Durante le serate del weekend, inoltre, la massiccia presenza di pattuglie dei Carabinieri permetteva di controllare circa 80 autovetture e 120 persone, redigendo diverse contravvenzioni per violazioni gravi al Codice della Strada quali la mancata copertura assicurativa, con contestuale sequestro amministrativo del veicolo e guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche: in quest’ultimo caso, addirittura, veniva fermato un 50enne del posto con un tasso di alcool nel sangue superiore ai 2 grammi per litro. Per lui scattava la denuncia penale all’A.G. e la confisca del veicolo.

Commenta

 


Contatta la Redazione di Cosenza1Special.it
info@cosenza1special.it - Fax 0984 - 1801110

Privacy Policy

© Copyright 2015 - COSENZA1SPECIAL.ITy
Registrazione Tribunale di Cosenza n.7 del 10/09/2012
Direttore Responsabile Osvaldo Morisco