COSENZA1SPECIAL.it

 

“L’Asp di Cosenza non ha adottato la delibera per pagare operatori, medici e infermieri che hanno eseguito i tamponi”
19/05/2020
|
 

20/06/2021
Dalla Siria alla Calabria con il bando della Crui: "Il campus e i ...

20/06/2021
“L’amore si ripaga solo facendolo tornare ...

20/06/2021
In occasione della Settimana Nazionale delle Panchine Viola saranno ...

19/06/2021
L’Associazione Guido Carli e Confapi Calabria valorizzano il ...

09/06/2021
Nuova protesta dei tifosi rossoblù a P.zza Kennedy, contro la ...

20/05/2021
Quattrocento chili di cocaina, partiti dal Brasile e passati ...

31/03/2021
La lunga carriera di un criminale di 63 anni, originario della ...

15/03/2021
Cosenza, scorze d'arancione del 15 Marzo 2021

Opi Cosenza, la denuncia del presidente Sposato

“Altro che eroi”, per il presidente dell’Opi di Cosenza, Fausto Sposato. “L’Asp di Cosenza, ad oggi, non ha adottato alcuna delibera per le spettanze dovute agli operatori, ai medici ed agli infermieri che hanno eseguito i tamponi”. La denuncia pubblica da parte del presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche è chiara. “Molti operatori sono in attesa e molti cittadini non possono, di conseguenza, effettuare tamponi”. Per Sposato tutto ciò “è assurdo: abbiamo bisogno di persone in grado di programmare la sanità. Sono operatori che hanno lavorato e precisiamo, a tal proposito, che ci sono i fondi Covid appositi. Devono essere pagati”. Non è pensabile, per il presidente, che “qualche dirigente si prenda il lusso di dire: pagheremo…”. Gli operatori hanno messo a repentaglio la loro salute e “mentre siamo ancora nel pieno della triste vicenda dei tamponi messi in frigo – per Sposato – che si fa? Si peggiora ancora la situazione”. Una gestione, dunque, non più opportuna. “Si pubblichi immediatamente la delibera”, il monito del presidente. “La sanità – dice Sposato – deve essere proattiva, noi vigileremo come organo di tutela dei professionisti e dei colleghi, oltre che dei cittadini”.

Infine la protesta. “Sono state aperte le attività ambulatoriali, sia degli ospedali che degli altri presidi, ma molti non hanno ancora i dispositivi di protezione. Come si riparte?”, si chiede il presidente degli infermieri. “Qualcuno queste cose deve fornirle”, aggiunge. “L’Opi di Cosenza continua a distribuire maschere, igienizzanti e visiere ma questo è un compito specifico che spetta all’Azienda ospedaliera ed alla regione Calabria. Per non parlare dei percorsi che ancora, in diversi luoghi, non esistono. Mettendo a rischio, sempre, operatori e pazienti. Se non ci sono questi strumenti diventa difficile, se non impossibile, ripartire”, la chiosa del presidente a nome di tutti gli infermieri.

Commenta

 


Contatta la Redazione di Cosenza1Special.it
info@cosenza1special.it - Fax 0984 - 1801110

Privacy Policy

© Copyright 2015 - COSENZA1SPECIAL.IT
Registrazione Tribunale di Cosenza n.7 del 10/09/2012
Direttore Responsabile Osvaldo Morisco