COSENZA1SPECIAL.it

 

– IL CONSIGLIO COMUNALE DI TREBISACCE RICHIEDE LA SOSPENSIONE DELL’EFFICACIA DEL DECRETO SICUREZZA
09/01/2019
|
Politica
 

25/03/2019
Denunciate dalla Guardia di Finanza di Montegiordano 18 persone per ...

24/03/2019
Il Biondo Tardivo di Trebisacce, arancia autoctona dalle eccellenti ...

24/03/2019
Ieri 23 marzo 2019, nel corso di specifici servizi disposti dal Sig. ...

24/03/2019
Il caso Morosini quello più recente avvenuto in Italia, il ...

24/03/2019
(Ansa)  La Camera di Commercio di Cosenza ha destinato 300 mila ...

24/03/2019
(Ansa) Una squadra della stazione Pollino del Soccorso alpino ...

22/02/2019
Conferenza stampa di Mr. Occhiuzzi alla vigilia di Perugia-Cosenza ...

16/02/2019
Conferenza stampa del tecnico rossoblù, alla vigilia di ...

09/02/2019
Conferenza stampa dei nuovi acquisti in rossoblù, dopo la ...

01/02/2019
Conferenza stampa del tecnico rossoblù, alla vigilia di ...

26/01/2019
Conferenza stampa del tecnico rossoblù in attesa della gara di ...

18/01/2019
Nella tarda serata di ieri, 17 gennaio, a conclusione di serratissime ...

Il Consiglio Comunale di Trebisacce, nella seduta del 12.12.2018 con delibera n° 58, ha chiesto al Ministro dell’Interno di sospendere l’efficacia del Decreto Sicurezza, che di fatto genera insicurezza, dando incarico al Sindaco di adottare ogni opportuno e consequenziale adempimento. Il merito alla delibera consiliare il Sindaco di Trebisacce, Franco Mundo, ha dichiarato: “Tale iniziativa ha avuto luogo circa un mese prima che tutti gli altri Sindaci di città importanti prendessero cognizione delle conseguenze gravi che il decreto Salvini genera nella società e nelle comunità italiane. Il decreto non solo viola i diritti costituzionalmente garantiti, ma di fatto pone fine all’esperienza degli SPRAR e limita fortemente l’indotto economico e lavorativo che gli SPRAR hanno generato, soprattutto nei piccoli comuni, rivitalizzando comunità e arricchendole di cultura e risorse umane, con riferimento anche agli alunni iscritti a scuole che in molti centri erano ormai in via di chiusura. Gli ospiti e gli immigrati non solo saranno abbandonati, creando ulteriore immigrazione clandestina, ma tanti bambini e donne non godranno più di alcuna assistenza sanitaria e rimarranno persone anonime prive di residenza e cittadinanza, bivaccando e facendo accattonaggio per le strade. In ogni caso, per come già dichiarato da eminenti giuristi, i sindaci, anche nel caso di iscrizione all’anagrafe degli stranieri, atto di loro competenza, non commettono alcuna violazione di legge; infatti la legge del 1998 stabilisce che le iscrizioni e le variazioni anagrafiche dello straniero regolarmente soggiornante, sono effettuate alle medesime condizioni dei cittadini italiani. L’art. 13 del Decreto Sicurezza stabilisce che il permesso di soggiorno costituisce documento di riconoscimento e non è titolo per l’iscrizione anagrafica, e di fatto non ha abrogato la norma di cui alla legge precedentemente in vigore. A ciò si aggiunge quanto previsto dall’art. 10 della Costituzione che prevede la regolamentazione giuridica dello straniero tramite la legge e i trattati internazionali. Se ad uno straniero nel proprio paese sono vietati i diritti civili e democratici garantiti in Italia, egli ha diritto di asilo. Ora si vuole negare anche questo!! Attraverso gli SPRAR si applicavano tali norme , che non sono state abrogate, e il Decreto Salvini altro non è che un pasticcio frutto di sola propaganda. Così al fine di scongiurare equivoci, pare opportuno evidenziare che anche la minaccia di commissariamento del Comune se un Sindaco non applica la legge, è infondata in quanto esso può essere disposto solo se ricorre un grave malfunzionamento di un’intera amministrazione, che non può essere configurato con una sola e semplice ‘presunta’ violazione, o ritenuta tale, di una norma. Analogamente anche la minaccia di taglio ai finanziamenti non può avvenire in quanto vengono erogati in base ad una legge e non su disposizione del ministro. Se ciò avvenisse, ciò che configurerebbe sarebbe di certo una violazione di legge. Il Consiglio Comunale di Trebisacce, proprio nell’ambito di tali presupposti giuridici, ha deliberato con orgoglio di formulare istanza di sospensione degli effetti del decreto Salvini, ingiusto e anticostituzionale. Nessuno può far finta di nulla! Per evitare ciò, necessita una urgente soluzione politica con il coinvolgimento dell’ANCI e il consulto dei sindaci. In tale contesto, sarebbe opportuno che tutti i comuni e sindaci, nell’ambito dei poteri ad essi riservati dalla legge, adottassero atti analoghi di grande importanza e significato politico diretti a rimuovere gli effetti di un decreto che di fatto genera insicurezza, chiedendo la sospensione degli effetti e/o la modifica. Sono atti a difesa della civiltà giuridica e sociale e non di emarginazione degli Italiani. La Città di Trebisacce lo ha fatto, sarebbe opportuno che tale atto fosse posto in essere anche dagli altri. L’immigrazione si GOVERNA e non si reprime”.

 

Commenta

 


Contatta la Redazione di Cosenza1Special.it
info@cosenza1special.it - Fax 0984 - 1801110

Privacy Policy

© Copyright 2015 - COSENZA1SPECIAL.ITy
Registrazione Tribunale di Cosenza n.7 del 10/09/2012
Direttore Responsabile Osvaldo Morisco